Al culmine di una settimana, finalmente piena, di allenamenti e in parte anche di presa di fiato dopo la scorpacciata della prima quindicina di novembre, la Crocetta si appresta ad ospitare alla Ballin (ore 21,15) una Cestistica Domodossola rinvigorita dal successo dello scorso turno sulla Pallacanestro Tortona e risalita a due sole lunghezze dai salesiani in una classifica cortissima, che alla vigilia dell’ottavo giro vede ben 12 squadre su 14 in zona …playoff (4 i punti tra il terzo posto e il 12esimo).
Dopo una partenza difficile, gli ossolani sembrano aver trovato il passo giusto, visto che delle ultime 4 partitene hanno vinte 3, cedendo soltanto alla capolista Reba.
Squadra completa in ogni reparto ed esperta, tra l’altro l’unica della città a giocare un campionato di significato dopo la defezione estiva del Rosmini (rinunciatario alla C Gold dopo la retrocessione dalla B), la Cestistica Domo schiera in gran parte elementi in arrivo proprio dall’esperienza con il Rosmini (soprattutto a cavallo della prima decade, in C regionale e poi nazionale): De Tomasi, Cerutti, Maestrone, Nagini, Baldini, e i più giovani Lenzi, Bellia e Brocca.
Del roster della scorsa stagione fa parte ancora Donaddio, best scorer nella vittoria sul Tortona ma più in generale, nelle prime 7 gare, di tutto il girone A.
Insomma quello che arriva a Torino è un avversario probante per una Crocetta chiamata a lanciare segnali positivi (sia sul piano tecnico che su quello della condizione) dopo le sconfitte esterne delle scorse settimane in Under 18 e D, figlie sì della stanchezza ma anche dei tanti errori.