La soddisfazione del giorno dopo è doppia: per aver battuto e avvicinato una diretta concorrente al miglior piazzamento possibile nella griglia playoff e per aver difeso il quarto Posto (poi consolidato ulteriormente dal ko di ieri del Borgomanero a Trecate). ‘Abbiamo ottenuto quello che volevamo: due punti, differenza canestri ribaltata – difficile agganciare Bra, poi, chissà … -, certezza dei playoff veramente vicina’, commenta contento, e con un pizzico di prudenza e uno di aspettativa, coach Antonello Arioli.
La partita con l’Abet è stata difficile come mi aspettavo. Bra è squadra solida ed esperta e ha un roster senior molto lungo, che nel caso ha permesso di sopperire all’assenza di Dello Iacovo. Il nostro impegno nel limitare Cortese e Francione ha costretto l’Abet a 63 punti, e questo era l’unica strada per pensare di batterli’.
Dopo un inizio difficile, nel secondo quarto abbiamo creato il break decisivo rimanendo poi avanti per tutto il resto del match. Mi è piaciuta molto l’energia della squadra e di Conti in particolare, che è sempre importante quando trasmette ai compagni un forte atteggiamento agonistico’.
Ora Casale, che ha sorpreso la 5 Pari e invertito la classifica con il Fossano e che sabato arriverà alla Ballin per mantenere dalla sua il fattore-campo nei playout rispetto ai cuneesi: ‘Dire che per i nostri trascorsi sarà una partita complicata è dire poco. Abbiamo una settimana per prepararci ad avere la faccia giusta’.