Sul pesante passivo finale la Crocetta ha di che battersi più volte il petto e recitare un accorato mea culpa. Da un atteggiamento come quello messo in campo dai 2006 gialloverdi nel derby interno con la 5 Pari non possono che scaturire errori tecnici in quantità industriali e una sconfitta logica e meritata che più meritata non si può.
Primo quarto davvero difficile da commentare, con il punteggio spesso fermo e un loop di errori da cui nessuna delle due sembra uscire: 6-4 al 5’, 9-8 al 10’.
La gara si decide nella prima metà del secondo periodo: la pressione della 5 Pari manda completamente in tilt i salesiani, che di loro ci mettono quasi 6 minuti senza canestri e purtroppo molto altro.
Il break ospite è letale (0-15), lo svantaggio in pratica incolmabile: 9-23.
La Crocetta ci prova ma nel modo sbagliato: nonostante i continui richiami della panchina, arrivano solo forzature, tentativi individuali, totale assenza di lucidità e zero difesa. Il distacco sale a 20 unità poco prima del riposo, dopo va anche oltre: 21-43.
Per qualche minuto i padroni di casa accorciano (28-43 al 25′, 30-45 al 27′), senza comunque dare mai l’impressione di essere in grado di rimontare. E infatti, appena torna a muovere il risultato, la 5 Pari prende il volo: 30-53 al 31’.
Il 2-14 da qui alla fine è la perfetta replica, in piccolo, di quanto accaduto in precedenza.

DON BOSCO CROCETTA-5 PARI 32-67
Parziali: 9-8, 16-35, 30-52
CROCETTA: Ricci 4, Balbo, Gotta 2, Balma Mion 3, Bovero 2, Da Ros, Di Marco 2, Biancone, Bassi 5, Viriglio 8, Marta 6, Sorbone. All. Ferrero. Ass. Berruto.
5 PARI: Leva 15, Montaruli M. 11, Castriota Al. 7, Agswam, Fabricotti, Krarmi, Bonacci 12, Ragab 9, Castriota Alb. 4, Bar 3, Lops 4, Musa 2. All. Montaruli Ma.