Lo scarsissimo (per non dire proprio nullo) significato di classifica, l’orario mattutino della domenica, l’assenza di un paio di elementi che nelle precedenti gare erano partiti in quintetto. La Crocetta alla fine la porta a casa lo stesso da Piossasco, ma non ripete l’exploit dell’andata, quando fu affamata e travolgente. L’Area Pro stavolta oppone anche maggiore resistenza e per un tempo c’è partita.
Bravi gli avversari ad interpretare la gara nel modo giusto, noi invece l’abbiamo approcciata con la testa sbagliata, guardando alla classifica di chi avevamo davanti, pensando all’andata e non ultimo al fatto che avevamo già passato il turno’. Coach Conti spiega così i primi due, soporiferi, quarti dei gialloverdi.
Negli spogliatoi, sul 33-33, il tecnico salesiano si è fatto sentire: ‘Ci interessa continuare a crescere e consolidare le abitudini giuste, soprattutto per quanto riguarda l’approccio difensivo e la concentrazione. Lo abbiamo ribadito con forza durante la pausa e, da quanto si è visto nel secondo tempo, mi pare che il messaggio sia stato recepito’.
Soltanto 6 punti subiti nel terzo quarto a fronte di 20 segnati, con Pappalardo e Nsir a perforare più volte la retina piossaschese, e un’intensità tornata ai soliti livelli fanno da scivolo per un ultimo periodo iniziato con 14 punti di vantaggio e gestito senza affanni.
Nella seconda fase per il titolo – sottolinea ancora Conti – non potremo svegliarci a metà partita e pensare di risolverla in corsa, dovremo farci trovare pronti fin dal primo minuto’.

AREA PRO 2020-DON BOSCO CROCETTA 61-78
Parziali: 15-20, 33-33, 39-53
PIOSSASCO: Geron 2, Franchino, Boaron 4, Cozzolino 10, Mavrov, Mancuso 1, Barberi 31, Marson 9, Fantini, Nardi 4. All. Persico Al.
CROCETTA: Brussino 5, Kertusha, Brugnati, Fogliotti 1, Pappalardo 11, Nsir 14, Manca, Lino 4, Spada 15, Lo Buono 10, Diallo 12, Rossano 6. All. Conti. Ass. Maino.