A Genova la Crocetta ritrova Barale ma non la vittoria.
Partita ad alto ritmo, a tratti anche molto ben giocata dai gialloverdi, ‘vittime’ però del gran numero di errori da sotto, attivissimi e presenti sotto la tabella avversaria – ben 23 i rimbalzi in attacco – ma capaci di vanificare tutto con una caterva di errori da sotto (18/42 il totale).
Primo quarto ad altissime percentuali, come dice il 27-27 del 10’ (Parato 11). L’equilibrio regna sovrano anche nei secondi dieci, con la Crocetta che torna negli spogliatoi davanti di un’inezia: 40-42.
Il Pegli riparte a mille all’ora, pressione asfissiante e contropiede sui recuperi. I salesiani segnano solo 6 punti in 9’ e il break di 24-10 sembra ‘ucciderli’.
Come già accaduto in altre occasioni, con un piede e mezzo nella fossa i ragazzi di Pozzato danno il loro meglio: aprono il quarto con uno 0-8 in 1’45” e, spinti da Parato Barale e Regis, mangiano punto su punto ai genovesi, capaci di segnare solo a gioco fermo (11 dei 15 punti nel quarto arrivano dalla linea).
Ad un minuto dalla fine le squadre sono divise da un solo possesso: il 73-70 rimane fermo per paio di azioni. Lo muovono i padroni di casa, ancora dalla lunetta. La Crocetta sbaglia e il 2 su 2 di Augliera chiude il conto.

BASKET PEGLI-DON BOSCO CROCETTA 79-72
Parziali: 27-27, 40-42, 64-52
PEGLI: Augliera 24, Nardini, Ventura, Crocco, Facco 5, Devoto 6, Bruzzone 12, Notari 6, Bertagna, Vagnati 12, De Natale 12, Bizzarri 2. All. Conte.
CROCETTA: Parato 11, Maltese 12, Barale 11, Zito 6, Regis 19, Valentini 2, Noce 4, Borlando, Naretto 7, Fabi n.e., Bonansea 4, Del Balzo. All. Pozzato.