La Robur evoca per la Crocetta un ricordo piacevole in stagione: la vittoria, sudata, sudatissima, nella gara di andata giocata al PalaCampus di Varese il 29 ottobre scorso. Già allora i lombardi si presentarono alla palla a due da fanalino di coda del girone, ma alla resa dei conti del campo la fecero trovare lunga ai ragazzi di Tassone, che per contro avevano iniziato il torneo con due vittorie nelle prime tre giornate (e la sconfitta all’ultimo tiro a Milano con l’Olimpia) e avevano visto rinviato per il maltempo il match di Vado Ligure.
Da quel giorno la Crocetta ha messo insieme una sola altra affermazione, il 21 gennaio a Genova contro il Pegli, mentre la Robur ha vinto in due occasioni: il 26 novembre con l’Urania e poi giusto nello scorso turno con il Pegli, entrambe le volte tra le mura amiche. Dove ha messo in enorme difficoltà squadre del calibro di Olimpia Milano e Pallacanestro Varese, a testimonianza del fatto che la stoffa c’è e che anche oggi, così come tre mesi e mezzo fa per i salesiani ci sarà da sudare.
L’incontro ravvicinato giocato ad Aosta nel tardo pomeriggio di ieri in serie D non aiuterà, visto che la condizione generale rimane legata a filo doppio ai tanti infortuni dell’ultimo mese e mezzo.
Senza alcun risvolto di classifica, si giocherà per la vittoria ‘secca’ in quel campionato nel campionato di cui abbiamo avuto modo di parlare per le precedenti e che torneremo a citare in molte delle prossime.
Palla a due alle 20, con diretta dalla Ballin sulla pagina Facebook della Società.