Alla fine alla Ballin la spunta, come sempre, chi sbaglia di meno.
La Crocetta lo fa nel momento decisivo, tra il 33’ e il 38’, e viene a capo di una matassa che in gran parte aveva contribuito ad ingarbugliare nella mezzora e oltre precedente con una quantità industriale di perse e di tiri sbagliati (specie da sotto).
In una giornata in cui la palla non ne vuole sapere di entrare – tante le conclusioni ben costruite ma senza esito – e contro un avversario, il College Borgomanero, che dispensa a gran dosi praticità e concretezza, uscirne vincitori è un grandissimo merito per i crocettini di Grattini e Luetto.
Che, latitando le percentuali, ci mettono tenacia e solidità mentale e non smettono mai di crederci.
Il canestro del 2-0 di Balma è anche l’unico crocettino nei 7 minuti iniziali. Il College fa un po’ meglio, opponendo uno 0-7, tutto da sotto, che lo proietta al comando.
Dopo il -3 di Rossetti, la formazione salesiana è spinta a girare attorno al perimetro da una retroguardia fisica e chiusa, non trova linee praticabili (ben 11 i palloni buttati via nei soli primi 10 minuti) e si fa doppiare da El Showehy: 8-16 al 9’.
Il rientrante Cellino, autore di una buona gara, la metta sulla corsa e guida la riscossa nel secondo periodo. La difesa è meglio registrata e i gialloverdi rimontano fino al 14-16. Poi però si fermano di colpo e per 4 minuti vedono l’avversario riallungare: 14-20.
Nonostante la scarsa mira, i torinesi si aggrappano alla caparbietà e si riportano in testa prima della sosta, complice l’altrettanta imprecisione ospite: un gioco da 3 punti di Balma fa segnare il 22-21. Ma una fortunosa tabellata di Fornara ribalta subito il punteggio: 24-27 al 30’.
Alla ripartenza Rossetti segna il 27-27 allo scadere dei 24 secondi. La Crocetta sembra meglio disposta , anche se gli errori al tiro si susseguono, esattamente come nel primo tempo.
Ad un’altra conclusione dal lontano ospite baciata dalla sorte rispondono l’ottimo Cian e Trogu per il controsorpasso sul 33-32.
Balma autografa anche il +3, ma il College, aggressivo e più efficace, non concede corda e con uno spunto personale di El Showehy sale sul 37-43.
Con un po’ di affanno, la Crocetta tappa il buco già prima della mezzora e si riporta a -1 con Cellino al primo rintocco dell’ultimo quarto: 45-46.
Il canestro del 45-50 di Erbetta è l’ultimo degli ospiti.
Nei restanti 8 minuti solo e tanta Crocetta, che ovvia con energia ed eneorme cuore alla fisicità proposta in area dagli avversari.
Borgo avrebbe la palla per chiudere la faccenda: l’errore da sotto in contropiede solitario è grossolano, sul ribaltamento, percussione mano mancina al limite dei passi di Cellino: sulle proteste, gli arbitri sanzionano il coach ospite Villa con un tecnico.
Cellino fallisce il libero ma si rifà poco dopo attaccando ancora deciso il ferro: altro fallo, il quarto di squadra del College, altro viaggio in lunetta: dentro il primo libero, sul secondo sbagliato, il rimbalzo è però crocettino, con Trogu che trasforma in un overtime i restanti 5 minuti: 50-50.
Il College accusa il colpo in maniera vistosa e mette in fila solo forzature senza risultato, la Crocetta invece è una furia: ancora un rimbalzo offensivo, stavolta di Cellino, apertura per Trogu e inerzia che gira una volta per tutte: 52-50.
I novaresi stavolta vanno al tappeto, a sancirlo le realizzazioni di Cellino (2 su 2 ai liberi) e Balma (in entrata). Il magic moment salesiano si prolunga con Rossetti (4 di fila).
Il 14-0 complessivo fa partire i titoli di coda, nonostante l’1 su 6 dei padroni di casa dalla linea nel minuto conclusivo.

DON BOSCO CROCETTA-COLLEGE BORGOMANERO 61-50
Parziali: 8-16, 25-27, 42-46
CROCETTA: Trogu 6, Balma 12, Barbato 2, Besostri, Cellino 19, Cian 4, Gallino, Romagnoli D. 3, Rossetti 13, Schettini n.e., Vianello n.e., Romagnoli E. 2. All. Grattini, Ass. Luetto.
BORGOMANERO: Berti 4, Cortese, Bellosta 7, Pozzato, Erbetta 2, Ruggerone 6, Ferrari, Pagani 6, Jasarevic, Mandelli 12, El Showehy 8, Fornara 5. All. Villa.