Non c’è scampo per la Crocetta in quel di Varese.
Troppa la differenza tra i due gruppi, sotto tutti i punti di vista.
A peggiorare le cose per i gialloverde ci si mette la sfortuna che li costringe a rinunciare in fretta a Lissiotto, fuori dai giochi per un risentimento al ginocchio.
Nonostante non possa proporre un’energia all’altezza della situazione e dell’avversario, la Crocetta fa di tutto per starci dentro e ci riesce per un quarto.
Nel secondo però Varese alza il livello di guardia e chiude tutti gli spazi di ingresso in area, scaricando a terra una fisicità impressionante.
Sul fronte opposto la tecnica e i canestri di Raskovic e Gardelli spaccano in due la partita. Le tre triple gialloverdi nel giro di 5 minuti servono soltanto a limitare un po’ i danni, che all’intervallo ammontano comunque a 21 lunghezze.
Secondo tempo senza storia.
Con ogni probabilità di questa partita non resterà gran memoria sotto il profilo tecnico, ma di sicuro della trasferta in un luogo così leggendario ciascuno conserverà un ricordo indelebile.

PALLACANESTRO VARESE-DON BOSCO CROCETTA 88-60
Parziali: 18-12, 47-26, 61-37
VARESE: Seck 12, Montano 6, Librizzi 10, Garbarini 11, Raskovic 24, Virginio 4, Van Velsen, Gardelli 16, Jokic, Naldini 3. All. Colombo.
CROCETTA: Possekel 15, Magnocavalli 1, Lissiotto, Galluzzo 8, Cuccu, Caputo, Zennato 4, Gualdi 17, Boeri 8, Ugoccioni, Valetti 5, Romagnoli 2. All. Tassone.