Quattro mesi dopo la Crocetta torna a battere la Robur Varese e ritira un referto rosa alla Ballin, da cui mancava più o meno dallo stesso tempo.
Tranne qualche situazione di svantaggio nella fase centrale del primo quarto, i salesiani sono sempre davanti, con distacchi rassicuranti dal secondo in poi.
Cuccu (26, 10/11 da due, 40 di valutazione) fa subito vedere di essere in serata, segnando i primi 5 punti salesiani. La Robur mette sul tavolo una tripla, un’entrata e il libero di Brignoli che vale il 5-6. La zona di casa ci mette un po’ ad armonizzare i movimenti e Resemini la scalfisce ancora con il 5-9 del 4’.
Nella veemente replica crocettina gioca un ruolo non indifferente il disordine difensivo dei varesini, che si fanno pescare più volte sbilanciati dalle ripartenze di Cuccu e prestano il fianco ai tiri aperti di Valetti Regis e Zennato. Le ultime due sono triple, costruite con buone circolazioni, e fanno crescere il break a 10-0.
Ancora Cuccu a colpire in virata in area, ancora Valetti da tre, stavolta dal palleggio. Altri due recuperi in cui Cuccu si riversa a velocità sostenuta dall’altra parte e ne mette a referto 4 per un totale di 13 personali.
Zennato si butta dentro quasi allo scadere e viene abbattuto senza troppi complimenti: 2 su 2 e Crocetta sul +12: 28-16.
Per rientrare la Robur ci prova con il pressing ma è ancora è sempre poco attenta in fase di marcatura: dimenticato in angolo, Gualdi ha tutto il tempo di alzare il dito per capire la direzione del vento, posizionare il mirino e sparare la bomba del 31-18.
Poco dopo, Boeri sbaglia da sotto, recupera rimbalzo senza alcuna opposizione e appoggia il 33-20.
Dall’altra parte il timido segnale di resistenza è nei tre di Rovera del 33-25.
Per qualche minuto lo scarto viaggia tra gli 8 e i 10 punti, poi è un gioco da ragazzi per i salesiani spostarlo in avanti: la difesa roburina non rientra e i contropiede di Zennato e Gualdi e un’azione da tre di Pagetto fanno 44-27.
Neanche la zona gialloverde è del tutto esente da pecche: un paio di conclusioni pesanti ospiti riportano a 11 le lunghezze di distanza in chiusura di tempo: 44-33.
I primi minuti della ripresa sono ancora in tira-e-molla, anche se la Crocetta staziona sempre in doppia cifra: 46-35.
Ficcante percussione di Gualdi, Cuccu ci mette due liberi, Varese ottiene qualcosa dalla pressione ma spreca a ripetizione da sotto: Gualdi veste ancora i panni dell’incursore e la castiga con canestro-fallo-e-libero che valgono il 56-38 al 25’. Di Boeri dalla lunetta il +21 al 29’.
La Robur non smette comunque di giocare e nel quarto periodo prima torna a -16, quindi con Rovera e il giovanissimo Carnaghi rimonta fino a -12: 71-59 al 36’.
Fiutato il pericolo, la Crocetta ristabilisce in fretta le distanze con il solito Cuccu: 80-60 al 38’.

DON BOSCO CROCETTA-ROBUR VARESE 82-63
Parziali: 28-16, 44-33, 64-44
CROCETTA: Valetti 5, Cuccu 26, Caputo 4, Boeri 15, Salvadori, Pagetto 6, Gualdi 15, Zennato 8, Varetto, Parato n.e., Regis 3, Delbalzo Gueye n.e. All. Tassone, Ass. Luetto.
VARESE: Brignoli 9, Bacchiega 4, Pavese 11, Carnaghi 9, Resemini 9, Napoletano, Alesina 6, Ghezzi 3, Schieppati 4, Rovera 8, Veronesi. All. Cattalani.